Come gli smartphone hanno ucciso compatti

Quando i telefoni sono apparsi i primi della fotocamera, molti utenti potraktowało loro come niepraktyczną interessante. Piccoli matrice deboli e lenti non sono stati in grado di fare buone foto. Nonostante il fatto che abbiamo la macchina fotografica sempre a portata di mano, sięgaliśmy dopo di lui è estremamente raro.

Come gli smartphone hanno ucciso compatti Per me è stato un po ‘ diverso. Sono di natura sperimentale, quindi una volta ha voluto verificare di cosa sono capaci. Ho capito che ho a che fare con molto primitivo dispositivo. Ma in questo prymitywizmie era briciolo di follia: la scarsa qualità delle foto non è stato falsificato. Questo ha portato alla comparsa di completamente nuovo mobile di design, che si basò su falliti foto, sull’illusione, ricordano lomografia.

Questo è stato il primo impulso, che ha suggerito che la fotografia mobile può zatrząść mercato. Dopo pochi anni sono apparsi i primi smartphone in grado di fare “belle foto”, poi c’è un video che potrebbero competere con le foto con la compatta. Ho guardato attentamente per lo sviluppo di fotografia mobile, anche se al momento non la prendevo sul serio. La qualità delle foto era ancora troppo debole per poter utilizzare nel loro lavoro.

Innovazione

Innovazione - smartphoneTutto è cambiato quando sono stato costretto a usare uno smartphone. Mi ha assunto per la ripresa del rally “Dakar”, e i datori di lavoro mi hanno dato precise istruzioni: fare le foto al più presto e subito caricarle in agenzia. Solo smartphone possa soddisfare questi requisiti, e ben presto si è scoperto che si è dimostrato eccellente. Nessuno si aspettava da me сверхострых e riflessivo immagini, ma di segnalare a conoscenza di ciò che è accaduto sulla pista da rally.

In un unico dispositivo è stato tutti gli strumenti necessari per il funzionamento: la macchina fotografica, una videocamera, un microfono, un editor di testo o e-mail. Da allora ho iniziato a viaggiare per il mondo molto più modestamente arredata, con lo smartphone come uno dei due, tre principali apparecchi.

Ho provato telefoni cellulari di diversi produttori, e sono stato soddisfatto della qualità delle foto, ma la maggior parte di loro non poteva affrontare difficili condizioni di lavoro. Quando le mie mani hanno colpito i telefoni di LG si è appreso che in coppia con soddisfacente fotocamera trattava di una straordinaria resistenza. La Dakar è andato con LG G2 in tasca. La manifestazione si è conclusa, ma non ha messo il tuo smartphone sullo scaffale. Sapevo che il futuro della fotografia.

Twilight compatte

Twilight compatteQuando ha debuttato mobili con modalità di impostazioni manuali, è diventato chiaro che questa è la fine delle fotocamere compatte. Prima si erano al lavoro di automazione, che consapevolmente abbiamo imbrogliato e, per ottenere gli effetti desiderati. Purtroppo, non è sempre stato possibile. L’introduzione e la diffusione di modalità manuale ha portato al fatto che gli smartphone realmente minacciato più facile kompaktom. Sono diventati universali macchine che abbiamo sempre avuto a portata di mano.

Compatti smesso di vendere, e molte aziende hanno abbandonato la loro produzione. Nei telefoni apparso cliché, che fino a poco tempo fa sono stati utilizzati nelle classiche telecamere. Non mi stupirei se nel prossimo futuro gli smartphone saranno utilizzare una gomma.

Importante frame

A questo punto vale la pena di menzionare le foto smartfonowej che più mi rimase nella memoria. Durante il rally “Dakar” ha collaborato con Krzysztof Hołowczycem, uno degli episodi che ho trascorso con lui un’intervista, e ho fatto un paio di foto ufficiali. Classiche, scattate con una macchina fotografica professionale.

Dopo la fine della sessione abbiamo parlato, che su quello che è successo durante l’ultimo episodio. Gregorio indossato occhiali da sole, ho preso il telefono e ha iniziato a scattare foto. Pensavo che solo passando il tempo e faccio le foto per le uova, e non di impegni, quindi ha lasciato un po ‘ di disattenzione. Questa unica foto non è tecnicamente con una fotocamera professionale e conteneva in sé molto più potente carica emotiva.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *